Vai al contenuto

Lodi Mattutine

    MERCOLEDÌ – III SETTIMANA DI QUARESIMA – III SETTIMANA DEL SALTERIO

    Nella santa assemblea,
    o nel segreto dell’anima
    prostriamoci e imploriamo
    la divina clemenza.

    Dall’ira del giudizio
    liberaci, o Padre buono;
    non togliere ai tuoi figli
    il segno della tua gloria.

    Ricorda che ci plasmasti
    col soffio del tuo Spirito:
    siam tua vigna, tuo popolo
    e opera delle tue mani.

    ​Perdona i nostri errori,
    sana le nostre ferite,
    guidaci con la tua grazia
    alla vittoria pasquale.

    Sia lode al Padre altissimo,
    al Figlio e al Santo Spirito
    com’era nel principio,
    ora e nei secoli eterni. Amen.

    Sia benedetto Dio, il quale ci consola in ogni tribolazione (2 Cor 1, 3. 4).

    Signore, tendi l’orecchio, rispondimi,*
    perché io sono povero e infelice.
    Custodiscimi perché sono fedele;*
    tu, Dio mio, salva il tuo servo, che in te spera.

    Pietà di me, Signore,*
    a te grido tutto il giorno.
    Rallegra la vita del tuo servo,*
    perché a te, Signore, innalzo l’anima mia.

    Tu sei buono, Signore, e perdoni,*
    sei pieno di misericordia con chi ti invoca.
    Porgi l’orecchio, Signore, alla mia preghiera*
    e sii attento alla voce della mia supplica.

    Nel giorno dell’angoscia alzo a te il mio grido*
    e tu mi esaudirai.

    Fra gli dèi nessuno è come te, Signore,*
    e non c’è nulla che uguagli le tue opere.

    Tutti i popoli che hai creato verranno†
    e si prostreranno davanti a te, o Signore,*
    per dare gloria al tuo nome;

    grande tu sei e compi meraviglie:*
    tu solo sei Dio.

    Mostrami, Signore, la tua via,*
    perché nella tua verità io cammini;
    donami un cuore semplice*
    che tema il tuo nome.

    Ti loderò, Signore, Dio mio, con tutto il cuore*
    e darò gloria al tuo nome sempre,
    perché grande con me è la tua misericordia:*
    dal profondo degli inferi mi hai strappato.

    Mio Dio, mi assalgono gli arroganti,†
    una schiera di violenti attenta alla mia vita,*
    non pongono te davanti ai loro occhi.

    Ma tu, Signore, Dio di pietà, compassionevole,*
    lento all’ira e pieno di amore, Dio fedele,

    volgiti a me e abbi misericordia:†
    dona al tuo servo la tua forza,*
    salva il figlio della tua ancella.

    Dammi un segno di benevolenza;†
    vedano e siano confusi i miei nemici,*
    perché tu, Signore, mi hai soccorso e consolato.

    Gloria al Padre e al Figlio*
    e allo Spirito Santo.

    Come era nel principio, e ora e sempre*
    nei secoli dei secoli. Amen.

    Per voi è la promessa, per i vostri figli e per tutti quelli che sono lontani (At 2, 39).

    «Sentiranno i lontani quanto ho fatto,*
    sapranno i vicini qual è la mia forza».

    Hanno paura in Sion i peccatori,*
    lo spavento si è impadronito degli empi.
    «Chi di noi può abitare presso un fuoco divorante?*
    Chi di noi può abitare tra fiamme perenni?».

    Chi cammina nella giustizia*
    ed è leale nel parlare,
    chi rigetta un guadagno frutto di angherie,*
    scuote le mani per non accettare regali,

    si tura gli orecchi per non udire fatti di sangue,*
    chiude gli occhi per non vedere il male:

    costui abiterà in alto,†
    fortezze sulle rocce saranno il suo rifugio,*
    gli sarà dato il pane, avrà l’acqua assicurata.

    Gloria al Padre e al Figlio*
    e allo Spirito Santo.

    Come era nel principio, e ora e sempre*
    nei secoli dei secoli. Amen.

    ​I miei occhi hanno visto la tua salvezza, preparata da te davanti a tutti i popoli (Lc 2, 30. 31).

    Cantate al Signore un canto nuovo,*
    perché ha compiuto prodigi.

    Gli ha dato vittoria la sua destra*
    e il suo braccio santo.
    Il Signore ha manifestato la sua salvezza,*
    agli occhi dei popoli ha rivelato la sua giustizia.

    Egli si è ricordato del suo amore,*
    della sua fedeltà alla casa di Israele.
    Tutti i confini della terra hanno veduto*
    la salvezza del nostro Dio.

    Acclami al Signore tutta la terra,*
    gridate, esultate con canti di gioia.

    Cantate inni al Signore con l’arpa,*
    con l’arpa e con suono melodioso;
    con la tromba e al suono del corno*
    acclamate davanti al re, il Signore.

    Frema il mare e quanto racchiude,*
    il mondo e i suoi abitanti.

    I fiumi battano le mani,*
    esultino insieme le montagne
    davanti al Signore che viene,*
    che viene a giudicare la terra.

    Giudicherà il mondo con giustizia*
    e i popoli con rettitudine.

    Gloria al Padre e al Figlio*
    e allo Spirito Santo.

    Come era nel principio, e ora e sempre*
    nei secoli dei secoli. Amen.

    Chi cammina nella giustizia e parla con lealtà, chi rigetta un guadagno frutto di angherie, scuote le mani per non accettare regali, si tura gli orecchi per non udire fatti di sangue, chiude gli occhi per non vedere il male: costui abiterà in alto, fortezze sulle rocce saranno il suo rifugio, gli sarà dato il pane, avrà l’acqua assicurata.

      Beato chi ti cerca con tutto il cuore* e cammina nella tua legge.
    Beato chi ti cerca con tutto il cuore e cammina nella tua legge.

       È fedele ai tuoi insegnamenti
    e cammina nella tua legge.

    Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
    Beato chi ti cerca con tutto il cuore e cammina nella tua legge.

    Benedetto il Signore Dio d’Israele,*
    perché ha visitato e redento il suo popolo,

    e ha suscitato per noi una salvezza potente*
    nella casa di Davide, suo servo,

    come aveva promesso*
    per bocca dei suoi santi profeti d’un tempo:

    salvezza dai nostri nemici,*
    e dalle mani di quanti ci odiano.

    Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri*
    e si è ricordato della sua santa alleanza,

    del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre,*
    di concederci, liberàti dalle mani dei nemici,

    di servirlo senza timore, in santità e giustizia*
    al suo cospetto, per tutti i nostri giorni.

    E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell’Altissimo*
    perché andrai innanzi al Signore a preparargli le strade,

    per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza*
    nella remissione dei suoi peccati,

    grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio,*
    per cui verrà a visitarci dall’alto un sole che sorge,

    per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre*
    e nell’ombra della morte

    e dirigere i nostri passi*
    sulla via della pace.

    Gloria al Padre e al Figlio*
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre*
    nei secoli dei secoli. Amen.

    Il Cristo ci guida alla salvezza per fare di noi un’umanità nuova in un mondo pienamente rinnovato. Affascinati da questa meravigliosa vocazione preghiamo:
    Signore, rinnova la nostra vita nel tuo Spirito.

    ​Signore, che hai promesso cieli nuovi e terra nuova, rinnovaci profondamente,
    perché possiamo unirci a te nella nuova Gerusalemme.

    Donaci di collaborare con te per trasformare il mondo con il tuo amore,
    perché la nostra città terrena progredisca nella giustizia, nella fraternità e nella pace.

    Aiutaci a vincere ogni forma di pigrizia, di mollezza e di egoismo,
    donaci il gusto del lavoro assiduo e serio per il premio celeste.

    Liberaci dal male,
    perché niente oscuri in noi il senso cristiano della vita.

    Padre Nostro che sei nei cieli
    sia santificato il Tuo nome,
    venga il tuo regno,
    sia fatta la tua volontà
    come in cielo così in terra.

    Dacci oggi il nostro pane quotidiano e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori,
    e non abbandonarci alla tentazione,
    ma liberaci dal male.

    Concedi, Signore, che i tuoi fedeli, formati nell’impegno delle buone opere e nell’ascolto della tua parola, ti servano con generosa dedizione liberi da ogni egoismo e, nella comune preghiera a te, nostro Padre, si riconoscano fratelli. Per il nostro Signore.

    Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna.

    . Amen.