Vai al contenuto

Lodi Mattutine

    GIOVEDÌ – IV SETTIMANA DI QUARESIMA – IV SETTIMANA DEL SALTERIO

    Nella santa assemblea,
    o nel segreto dell’anima
    prostriamoci e imploriamo
    la divina clemenza.

    Dall’ira del giudizio
    liberaci, o Padre buono;
    non togliere ai tuoi figli
    il segno della tua gloria.

    Ricorda che ci plasmasti
    col soffio del tuo Spirito:
    siam tua vigna, tuo popolo
    e opera delle tue mani.

    ​Perdona i nostri errori,
    sana le nostre ferite,
    guidaci con la tua grazia
    alla vittoria pasquale.

    Sia lode al Padre altissimo,
    al Figlio e al Santo Spirito
    com’era nel principio,
    ora e nei secoli eterni. Amen.

    Siamo giustificati dalla fede in Cristo e non dalle opere della legge (Gal 2, 16).

    Signore, ascolta la mia preghiera,†
    porgi l’orecchio alla mia supplica,
    tu che sei fedele,*
    e per la tua giustizia rispondimi.

    Non chiamare in giudizio il tuo servo:*
    nessun vivente davanti a te è giusto.

    Il nemico mi perseguita,†
    calpesta a terra la mia vita,*
    mi ha relegato nelle tenebre come i morti da gran tempo.

    In me languisce il mio spirito,*
    si agghiaccia il mio cuore.

    Ricordo i giorni antichi,†
    ripenso a tutte le tue opere,*
    medito sui tuoi prodigi.

    A te protendo le mie mani,*
    sono davanti a te come terra riarsa.
    Rispondimi presto, Signore,*
    viene meno il mio spirito.

    Non nascondermi il tuo volto,*
    perché non sia come chi scende nella fossa.
    Al mattino fammi sentire la tua grazia,*
    poiché in te confido.

    Fammi conoscere la strada da percorrere,*
    perché a te si innalza l’anima mia.
    Salvami dai miei nemici, Signore,*
    a te mi affido.

    Insegnami a compiere il tuo volere,†
    perché sei tu il mio Dio.*
    Il tuo spirito buono mi guidi in terra piana.

    Per il tuo nome, Signore, fammi vivere,*
    liberami dall’angoscia, per la tua giustizia.

    Gloria al Padre e al Figlio*
    e allo Spirito Santo.

    Come era nel principio, e ora e sempre*
    nei secoli dei secoli. Amen.

    La Gerusalemme di lassù è libera ed è la nostra madre (Gal 4, 26).

    Rallegratevi con Gerusalemme,*
    esultate per essa quanti l’amate.
    Sfavillate di gioia con essa*
    voi tutti che avete partecipato al suo lutto.

    Così succhierete al suo petto†
    e vi sazierete delle sue consolazioni;*
    succhierete con delizia all’abbondanza del suo seno.

    Poiché così dice il Signore:†
    «Ecco io farò scorrere verso di essa la prosperità come un fiume; *
    come un torrente in piena la ricchezza dei popoli;

    i suoi bimbi saranno portati in braccio,*
    sulle ginocchia saranno accarezzati.

    Come una madre consola un figlio,†
    cosi io vi darò consolazione;*
    in Gerusalemme sarete consolati.

    Voi lo vedrete e gioirà il vostro cuore,*
    le vostre ossa saranno rigogliose come erba fresca».

    Gloria al Padre e al Figlio*
    e allo Spirito Santo.

    Come era nel principio, e ora e sempre*
    nei secoli dei secoli. Amen.

    L’anima mia magnifica il Signore, perché grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente (Lc 1, 46. 49)

    Lodate il Signore:†
    è bello cantare al nostro Dio,*
    dolce è lodarlo come a lui conviene.

    Il Signore ricostruisce Gerusalemme,*
    raduna i dispersi d’Israele.
    Risana i cuori affranti*
    e fascia le loro ferite;

    egli conta il numero delle stelle*
    e chiama ciascuna per nome.

    Grande è il Signore, onnipotente,*
    la sua sapienza non ha confini.
    Il Signore sostiene gli umili,*
    ma abbassa fino a terra gli empi.

    Cantate al Signore un canto di grazie,*
    intonate sulla cetra inni al nostro Dio.

    Egli copre il cielo di nubi,†
    prepara la pioggia per la terra,*
    fa germogliare l’erba sui monti.

    Provvede il cibo al bestiame,*
    ai piccoli del corvo che gridano a lui.
    Non fa conto del vigore del cavallo,*
    non apprezza l’agile corsa dell’uomo.

    Il Signore si compiace di chi lo teme,*
    di chi spera nella sua grazia.

    Gloria al Padre e al Figlio*
    e allo Spirito Santo.

    Come era nel principio, e ora e sempre*
    nei secoli dei secoli. Amen.

    Siamo il tuo popolo e la tua eredità, Signore. Ci hai fatti uscire dall’Egitto, da una fornace per fondere il ferro.
    Siano attenti i tuoi occhi alla preghiera del tuo servo e del tuo popolo Israele e ascoltali in quanto ti chiedono, perché tu li hai separati da tutti i popoli del paese come tua proprietà.

      Ti siano gradite le mie parole,* Dio della mia salvezza.
    Ti siano gradite le mie parole, Dio della mia salvezza.

      Davanti a te i pensieri del mio cuore,
    Dio della mia salvezza.

    Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo.
    Ti siano gradite le mie parole, Dio della mia salvezza.

    Benedetto il Signore Dio d’Israele,*
    perché ha visitato e redento il suo popolo,

    e ha suscitato per noi una salvezza potente*
    nella casa di Davide, suo servo,

    come aveva promesso*
    per bocca dei suoi santi profeti d’un tempo:

    salvezza dai nostri nemici,*
    e dalle mani di quanti ci odiano.

    Così egli ha concesso misericordia ai nostri padri*
    e si è ricordato della sua santa alleanza,

    del giuramento fatto ad Abramo, nostro padre,*
    di concederci, liberàti dalle mani dei nemici,

    di servirlo senza timore, in santità e giustizia*
    al suo cospetto, per tutti i nostri giorni.

    E tu, bambino, sarai chiamato profeta dell’Altissimo*
    perché andrai innanzi al Signore a preparargli le strade,

    per dare al suo popolo la conoscenza della salvezza*
    nella remissione dei suoi peccati,

    grazie alla bontà misericordiosa del nostro Dio,*
    per cui verrà a visitarci dall’alto un sole che sorge,

    per rischiarare quelli che stanno nelle tenebre*
    e nell’ombra della morte

    e dirigere i nostri passi*
    sulla via della pace.

    Gloria al Padre e al Figlio*
    e allo Spirito Santo.
    Come era nel principio, e ora e sempre*
    nei secoli dei secoli. Amen.

    Uniti nella preghiera di lode, celebriamo l’amore di Dio Padre, che si è rivelato nel Cristo suo Figlio, e diciamo con fede:
    Ricordati, Signore, di questa tua famiglia.

    Donaci di comprendere in modo vivo e profondo il mistero della tua Chiesa,
    perché diventi per noi e per tutti sacramento universale di salvezza.

    Padre di tutti gli uomini, aiutaci a promuovere il vero progresso della comunità umana,
    e a cercare in ogni cosa il tuo regno e la tua giustizia.

    Suscita in noi la sete del Cristo,
    — che si è offerto a noi come sorgente di acqua viva.

    Rimetti a noi i nostri debiti,
    — guida i nostri passi nella giustizia e nella sincerità.

    Padre Nostro che sei nei cieli
    sia santificato il Tuo nome,
    venga il tuo regno,
    sia fatta la tua volontà
    come in cielo così in terra.

    Dacci oggi il nostro pane quotidiano e rimetti a noi i nostri debiti come noi li rimettiamo ai nostri debitori,
    e non abbandonarci alla tentazione,
    ma liberaci dal male.

    O Dio, che ci hai dato la grazia di purificarci con la penitenza e di santificarci con le opere di carità fraterna, fà che camminiamo fedelmente nella via dei tuoi precetti, per giungere rinnovati alle feste pasquali.
    Per il nostro Signore Gesù Cristo, tuo Figlio, che è Dio, e vive e regna con te, nell’unità dello Spirito Santo, per tutti i secoli dei secoli.

    Il Signore ci benedica, ci preservi da ogni male e ci conduca alla vita eterna.

    . Amen.